Voto al film:

Dai seventies a oggi

Componente essenziale di tutto il cinema di Spike Lee, la musica assume funzione rilevante non solo a sottolineatura emotiva delle immagini quanto facendosi, piuttosto, loro parte integrante da cui sono arricchite di significati altri sottesi dai brani a essi associati.

Non fa eccezione la colonna sonora di BlacKkKlansman che esprime la divisione tra due identità a confronto e ricrea il clima culturale tipico dei seventies in cui il film è ambientato. Da una parte il funky soul di Cornelius Brothers & Sister Rose (Too Late to Turn Back Now) o The Temptations (Ball of Confusion), dall’altra l’odierno country revivial di Beth // James (Lion Eyes) e il southern rock di R.J. Phillips Band (Freedom Ride) e Looking Glass [Brandy (You’re a Fine Girl)]. Non mancano poi le composizioni strumentali originali di Terence Blanchard il cui tema principale, come già ne La 25a ora, combina e rielabora sonorità distanti ma tipiche del tessuto musicale americano – qui una composizione orchestrale alla Aaron Copland e una dilaniante chitarra elettrica a inspessire l’effetto emotivo delle scene a cui è associata, fino al crescendo drammatico del finale – a indicare anche a livello sonoro il legame tra passato e presente al centro del film. Così anche la marcia di apertura Gone With the Wind che, recuperando le vecchie sonorità militaresche della Confederazione, rievoca il posticcio romanticismo del Sud alla base dell’omonimo film e della falsa ideologia di quegli Stati.

Ma è il lost tape ritrovato di una vecchia esecuzione inedita di Prince di Mary Don’t You Weep a fare la parte del leone nella colonna sonora di BlacKkKlansman. Il brano – per cui Spike Lee ha diretto recentemente un video con immagini dal film e foto di scena – è un’interpretazione per solo piano e voce della prima versione del noto spiritual nero, la sconvolta preghiera di Maria di Betania a Gesù perché questi resusciti il fratello Lazzaro. Posta sui titoli di coda, dopo le scioccanti immagini degli scontri a Charlottensville nel 2017, dove la giovane pacifista Heather Heyer perse la vita, il brano si fa invocazione perché la morte della ragazza, come di tanti altri prima di lei uccisi per una causa giusta, non resti invano, ma si faccia punto di partenza per una riflessione approfondita sul tempo odierno che richiede una quanto mai necessaria e urgente presa di posizione.

L’articolo è apparso anche su Cinefilia Ritrovata
SCHEDA TECNICA
BlacKkKlansman (Id., USA, 2018) – REGIA: Spike Lee. SCENEGGIATURA: Spike Lee, David Rabinowitz, Charlie Wachtel, Kevin Willmott (dal libro autobiografico Black Klansman di Ron Stallworth). FOTOGRAFIA: Chayse Irvin. MONTAGGIO: Barry Alexander Brown. MUSICHE: Terence Blanchard. CAST: John David Washington, Adam Driver, Laura Harrier, Topher Grace. GENERE: Drammatico. DURATA: 135’

About Lapo Gresleri

Critico e storico cinematografico iscritto al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI). Nato a Bologna nel 1985, si laurea nel 2008 in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo con una Tesi in Caratteri del Cinema Nordamericano sul noir classico. Nel 2010 consegue la Laurea Specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale con una Tesi in Cinema e Studi Culturali sull’opera di Spike Lee. Collaboratore esterno presso la Cineteca di Bologna dal 2009, è autore di saggi, articoli e recensioni a carattere cinematografico pubblicati su volumi e riviste tra cui Inchiesta, Archphoto 2.0, Cinergie, Mediacritica, Parole Rubate, Fermenti, Studi Pasoliniani, Cineforum Web, Cinefilia Ritrovata e Le Magazine Littéraire.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it