Prince rules Più di Purple Rain o Under the Cherry Moon, Sign o’ the Times consente di penetrare nel profondo dell’arte di Prince. Se infatti i due titoli di fiction succitati giocano sul personaggio da lui incarnato, angelico e diabolico, conturbante e seduttivo, il terzo film pone più l’accento sulla sua poliedrica creatività, attraverso una…

Il suono delle emozioni In seguito all’arrivo di dodici astronavi extraterrestri sulla terra, la linguista di fama internazionale Louise Banks viene chiamata per fare parte di un team di esperti il cui compito è quello di instaurare una forma di comunicazione con gli alieni. Della squadra fa anche parte il fisico Ian Donnelly, che si…

Behind the iron curtain “And what costume shall the poor girl wear / To all tomorrow’s parties?” A tratti affascinante, a tratti respingente: come la sua protagonista, Nico, 1988 non vuole “piacere al pubblico”. Parla in modo diretto, trovando una strada del tutto personale per offrire un ritratto sfaccettato ma solido di un personaggio chiave…

Do Androids Dream of Old Tunes? Il sogno è memora e la memora è sogno. Un valore talmente potente da determinare la concezione di essere e tempo in nome della nullità del presente-futuro dipinto splendidamente da Denis Villeneuve in Blade Runner 2049.

Memoria è(e) vita Che cosa sarebbe l’uomo senza memoria? Diverrebbe un nulla, scontrandosi con la sua stessa condizione d’esistenza, ed ecco perché i replicanti di Philip K. Dick non possono esserne mancanti.

La musica è cambiata Guardando a Baby Driver – Il genio della fuga di Edgar Wright, pare evidente che l’argomento centrale di questa rivista risulta più che mai attuale e in via di evoluzione, segno di un cambiamento in atto che richiede uno studio sempre più accurato e al passo coi tempi.

Connessioni emotive Tre storie. Tre spazi. Tre tempi. Così si svolge il film firmato da Christopher Nolan che racconta l’evacuazione delle 400000 truppe britanniche accerchiate dal fuoco nemico sulla spiaggia di Dunkerque nel 1940. Tre diverse prospettive nelle quali il regista trasforma l’atto di resistenza dei soldati in una rivoluzione cinematografica che libera l’inquadratura in…

La fagocitazione dell’Io Sebbene dica di non bere alcol, sebbene appaia come la più limpida e incorruttibile creatura che abbia mai messo piede in quella casa, lei, ispiratrice e co-generatrice di un processo creativo – quello del protagonista, il “poeta”, interpretato da un Javier Bardem completamente allucinato – dagli esiti alquanto frangibili, la madre sembra…

Essere Tupac Tupac Shakur è stato probabilmente “il rapper più influente di ogni tempo” (Rolling Stone), vendendo oltre 75 milioni di dischi (l’album All Eyez on Me del 1996 e il Greatest Hits postumo del 1998 sono ancora tra i più venduti negli Stati Uniti). Un’icona della comunità afroamericana, la cui vita si è interrotta…

  L’io e il molteplice infinito “L’Uomo è condannato a essere libero: condannato perché non si è creato da se stesso, e pur tuttavia libero, perché, una volta gettato nel mondo, è responsabile di tutto ciò che fa”.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it