Marianna Curia su Who’s Crazy?, film sperimentale di Thomas White con le musiche di Ornette Coleman

Qui la recensione apparsa anche su Cinefilia Ritrovata

Living Free

Il film Who’s Crazy? (Thomas White, 1966) mette a tema il concetto di antipsichiatria che caratterizzava un acceso dibattito negli anni Sessanta: quali sono i criteri secondo i quali un uomo può essere considerato pazzo? La malattia psichiatrica è una caratteristica oggettiva who's crazydell’individuo che ne è coinvolto, o è piuttosto evidenza di una difficile messa in relazione tra l’individuo stesso e il mondo di cui fa parte?

Fare l’analisi di un film come Who’s Crazy? significa innanzitutto contestualizzarlo storicamente, sia nell’ambito degli studi e degli studiosi che hanno condotto ricerche di questo tipo (da Basaglia o Szasz per le neuroscienze, da Goffman a Watzlawick per la sociologia), sia – ed è il nostro caso – artisticamente, sulla via della ricerca degli stili che caratterizzavano le arti performative dell’epoca (dal ready made, all’improvvisazione). Nel film, membri del gruppo newyorkese Living Theatre (ad eccezione dei suoi fondatori, Judith Malina e Julian Beck) interpretano i pazienti di un manicomio che, a causa di un guasto al pulman che li trasporta, riescono a scappare e a rifugiarsi in una desolata fattoria abbandonata. Qui i personaggi-attori cominciano a realizzare delle vere e proprie forme di happening teatrale, in cui l’azione prevale nettamente sulla parola: si raggruppano in who's crazy2branchi animaleschi (intorno ad un tavolo i personaggi emettono versi da scimmie antropomorfe); consumano riti di possessione (qui il parlato e il cantato si sovrappongono); esplorano gli ambienti e gli oggetti della casa (qualcuno tenta di accendere un braciere al ritmo di una batteria jazz); cucinano e mangiano anarchicamente.

Quest’idea di pazzia come limite tra libertà individuale e libertà dalle regole e dalle convenzioni sociali, si esprime musicalmente con Ornette Coleman che proprio in quegli anni aveva inciso un disco dal titolo Free Jazz. Così, il caos sonoro fa da contraltare al caos mentale: proprio il Free Jazz è l’avanguardia musicale di quegli anni che porta all’estremo limite il concetto stesso di improvvisazione (il tema, per intenderci, viene ignorato o “sfilacciato” o relativizzato come uno dei molti elementi che vengono a comporre la musica; a proposito di free jazz, si parla dunque di polimorfia, poliritmia, politonalità, polifonia e policentrismo contemporaneamente). L’entropia sonora del free jazz arriva al limite della cacofonia nello spettatore e sostiene l’idea di una sperimentazione continua, anche fine a se stessa (ecco che le azioni dei personaggi diventano esempi cinematografici di nonsense). Insomma, alla domanda-titolo who’s crazy? solo le avanguardie artistiche, forse, hanno saputo dare una saggia risposta.

SCHEDA TECNICA
Who’s Crazy? (Id., USA-Belgio, 1966) – REGIA: Thomas White, Allan Zion. SCENEGGIATURA: Thomas White, Allan Zion. FOTOGRAFIA: Bernard Daillencourt. MONTAGGIO: Denise de Casabianca. MUSICA:Ornette Coleman, David Izenzon, Charles Moffett . CAST: Wimme Andre, Melvin Clay, Tom Edmonston. GENERE: Commedia. DURATA: 73′
[/column]

About Marianna Curia

Nata a Cosenza nel 1977 è diplomata in viola al Conservatorio di Cosenza, laureata in DAMS all’Università della Calabria con una Tesi sulla musica nel cinema di Kubrick e in Italianistica all’Università di Bologna. Dottore di ricerca con una Tesi sugli effetti speciali sonori nel cinema europeo e americano, ha tenuto incontri e relazioni all’Università della Calabria e all’Università di Bologna. Autrice di saggi a carattere cinematografico pubblicati in volumi collettivi e su riviste quali “Fata Morgana”, “Close-up” e “Cinefilia Ritrovata”, insegna musica e strumento musicale alla scuola secondaria di primo grado nel capoluogo emiliano e collabora con la Fondazione Cineteca di Bologna in occasione del festival Il Cinema Ritrovato.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it