Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Voto al film:

L’instancabile Quincy

Ogni periodo storico crea dei meravigliosi sopravvissuti. Olivia de Havilland, Gino Paoli e Gianfranco Reverberi, Harpo Marx, Franca Valeri… tutta gente che ha vissuto attraverso epoche, attraverso ondate creative. Tutta gente che queste ondate le ha cavalcate. Ecco, Quincy Jones, classe 1933, è un meraviglioso sopravvissuto che pure oggi, alla veneranda età di ottantasei anni, non perde il filo del presente – o del futuro. Read more


Voto al film:

I Doors secondo Oliver Stone

The Doors è una riscrittura autoriale della vita di Jim Morrison. Anche se il film dà grande peso alla musica e instaura una corrispondenza biunivoca tra le scene e le canzoni dei Doors, con uno stile di regia e montaggio che in epoca d’oro di MTV non fa che strizzare l’occhio al videoclip, Oliver Stone isola la figura di Morrison, inteso come icona culturale, più poeta che rockstar, lasciando agli altri membri della band e al loro entourage il ruolo di comprimari.

Read more


Il piano galeotto

Il titolo originale del film è The Piano (Jane Campion, 1993): dunque, il pianoforte è il vero protagonista del film, che resta muto quando nessuno lo suona proprio come Ada Stewart, che è muta quando qualcuno le chiede di parlare. Read more

Voto al film:

 

Un affascinante Maurice Chevalier nei panni del maturo e impenitente dongiovanni Honoré ci guarda e ci avverte, cantando la famosa Thank God for Little Girls, che stiamo per assistere alla storia di una “little girl” del tutto particolare: si tratta di Gigi (Leslie Caron), personaggio così vitale, energico e sopra le righe da conquistarsi il titolo del film di Vincente Minnelli che nel 1959 batté ogni record agli Academy Awards aggiudicandosi ben nove premi Oscar.

Read more


Voto al film:

Road Music

Senza soffermarsi sul ruolo di Easy Rider quale “film-manifesto” di un movimento culturale, né sulle qualità tecniche che hanno reso l’esordio alla regia di Dennis Hopper una delle opere più significative e influenti del cinema americano contemporaneo, si vuole qui porre l’accento sulla colonna sonora e la funzione che essa assume in rapporto alle immagini. Read more

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it