Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Voto al film:

Easy watching

Osare o non osare? Questo è il dilemma… Parafrasando Shakespeare è possibile evidenziare il limite di Miles Davis: Birth of the Cool, episodio della storica serie American Masters sui grandi nomi dello spettacolo e della cultura statunitense, ultimo lavoro del documentarista afroamericano Stanley Nelson Jr., autore sempre rivolto al glorioso passato nero (Jonestown, Freedom Riders, Black Panthers). Read more

Voto al film:

Un eroe nascosto

La vita nascosta racconta la storia vera, narrata nello stile inconfondibile di Malik, di Franz Jägerstätter: un obiettore di coscienza austriaco che ha rifiutato di arruolarsi e combattere la Seconda Guerra Mondiale al lato dei nazisti. Per questa ragione è stato prima isolato e discriminato dalla comunità del piccolo paese nel quale abitava, poi imprigionato e alla fine condannato a morte come traditore. Adesso per la Chiesa Cattolica è un beato.

Read more


Voto al film:

La vita segreta del pop italiano in Russia

Franco, manager con problemi economici, viene contattato da Olga per riunire il quartetto vocale anni 80 preferito del magnate russo Vladimir Ivanov, i Popcorn. La bella è diventata un’alcolizzata svampita, il ribelle è diventato un ferramenta invecchiato precocemente, il frontman è diventato un “famoso” televisivo e il chitarrista un polemico musicista di strada. Nessuno ha voglia di tornare a cantare assieme. Ma le circostanze vorranno diversamente. Read more

Voto al film:

Disegni in jazz

A 24 anni dall’uscita in sala, La freccia azzurra resta uno dei capisaldi dell’animazione italiana contemporanea, raro esempio cinematografico lontano dalla roboante effettistica digitale e dal canone moralistico coevo tipicamente disneyano. Opera prima di Enzo d’Alò, il film traspone l’etica rodariana dell’omonimo racconto dando vita ai suoi personaggi in uno stile volutamente d’antan.

Read more


Voto al film:

Ritratto di una diva stanca

Che Renée Zellweger fosse bravissima lo sapevamo. Che riuscisse a far totalmente scordare lo spettatore di se stessa e di quei tratti personali che ha comunque dato a personaggi diversissimi fra loro come Roxie Hart o Briget Jones non era scontato – ciò la porta, in questo superlativo Judy, a un livello professionale ulteriore – l’Oscar è stato meritatissimo. Read more

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it