Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Voto al film:

In the name of Soul

Pare una sfida titanica scrivere oggi di The Blues Brothers, ultimo grande musical contemporaneo, espressione di quella libertà tardo-adolescenziale del cinema americano tra la fine degli anni Settanta e i primi Ottanta, che recuperava la valenza ludica del linguaggio classico in una forma di grande gioco per adulti, primo sentore delle nascenti tendenze postmoderne.

Nati quasi per gioco all’interno del Saturday Night Live dalla passione comune a John Belushi e Dan Aykroyd per soul e rhythm ‘n’ blues, i Blues Brothers rivitalizzano la musica nera di metà secolo, radunandone alcuni tra i maggiori esponenti quali Steve Cropper, Donald “Duck” Dunn, Lou Marini e Matt “Guitar” Murphy in una all star band riportata in auge dalla tournée documentata nell’album Briefcase Full of Blues. Dato il successo di Jack e Elwood Blues – i cui caratteri e passato sono creati dallo stesso Aykroyd con Ron Gwynne – l’universo narrativo abbozzato negli sketch musicali viene espanso in una fittizia biografia cinematografica, film epocale capace di consacrare a mito il regista già di culto John Landis, gli interpreti e ancora di più i loro personaggi, entrati di diritto nell’immaginario collettivo, tanto da rendere il loro look riconoscibile ancora oggi.

Ricca di una comicità rocambolesca e catastrofica, la pellicola si caratterizza però soprattutto per i cammei di grandi stelle della black music come James Brown, John Lee Hooker, Ray Charles, Aretha Franklin e Cab Calloway, irrinunciabili punti di arrivo e partenza per chiunque voglia approcciarsi alle sonorità afroamericane. Le loro esibizioni sono pietre miliari del cinema musicale tout-court, momenti di vero spettacolo che nulla hanno da invidiare ai grandi titoli del genere: si pensi agli essenziali snodi narrativi rappresentati dai brani The Old Landmark, Shake A Tail Feather, Think o al virtuosismo vocale tipicamente nero di Calloway in Minnie The Moocher. E ancor più il rispettoso revival di alcuni classici del folklore black come She Caught The Katy, Everybody Needs Somebody e Sweet Home Chicago, reinterpretate dai due attori-cantanti bianchi in forma di devoto omaggio ai propri beniamini musicali.

La scenografia urbana di Chicago, città natia del blues elettrico, si fa allora culla della contaminazioni culturali del Paese che, andando oltre le questioni politiche e sociali interne, diventano manifestazione viva del melting pot americano, come dimostrano le versioni dei rock bianchi Peter Gunn Theme e Jailhouse Rock e del country Rawhide. La musica prima di tutto quale elemento di pacifica convivenza, che abbatte le barriere e si fa terreno d’incontro tra le parti.

L’articolo è apparso anche su Cinefilia Ritrovata
SCHEDA TECNICA
The Blues Brothers (Id., USA, 1980) – REGIA: John Landis. SCENEGGIATURA: John Landis, Dan Aykroyd. FOTOGRAFIA: Stephen M. Katz. MONTAGGIO: George Folsey Jr.. MUSICHE: The Blues Brothers Band, James Brown, Ray Charles, Aretha Franklin, Cab Calloway. CAST: John Belushi, Dan Aykroyd, Carrie Fisher, John Candy. GENERE: Musicale. DURATA: 133’ (145’)

About Lapo Gresleri

Critico e storico cinematografico iscritto al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI). Nato a Bologna nel 1985, si laurea nel 2008 in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo con una Tesi in Caratteri del Cinema Nordamericano sul noir classico. Nel 2010 consegue la Laurea Specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale con una Tesi in Cinema e Studi Culturali sull’opera di Spike Lee. Collaboratore esterno presso la Cineteca di Bologna dal 2009, è autore di saggi, articoli e recensioni a carattere cinematografico pubblicati su volumi e riviste tra cui Inchiesta, Archphoto 2.0, Cinergie, Mediacritica, Parole Rubate, Fermenti, Studi Pasoliniani, Cineforum Web, Cinefilia Ritrovata e Le Magazine Littéraire.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it