Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Voto al film:

Soulful Trane

Autore di numerosi documentari su grandi nomi della musica americana (Sinatra: The Classic Duets, U.S.A. contro John Lennon, The Legendary Bing Cosby), con Chasing Trane John Scheinfeld sceglie di confrontarsi con il superbo sassofonista, la cui notorietà ha superato i confini spazio-temporali come per pochi altri jazzisti suoi coevi, rendendolo vera e propria icona popolare.

Personalità ricca e complessa, John Coltrane si è dimostrato uno dei principali innovatori musicali del secolo scorso, capace di elaborare linguaggi e tecniche esecutive talmente avanguardiste da risultare rivoluzionarie e quasi ostiche alla maggioranza del suo pubblico. Mosso da una profonda spiritualità che lo portava a cercare nella musica la via per relazionarsi a Dio, Trane travalica i generi verso uno stile originale in continua evoluzione che si riflette e al tempo stesso trae linfa dalle sue scelte di una vita e dalle proprie esperienze.

Il tentativo di Scheinfeld di ripercorre la vita e la carriera di questo mostro sacro della cultura del Novecento può dirsi purtroppo solo in parte riuscito. La parabola esistenziale e artistica dell’uomo è sì ripercorsa attraverso le sue tappe salienti (l’educazione protestante, la scoperta della musica, il ruolo di side-man di Miles Davis e Dizzy Gillespie, la droga, la disintossicazione, la seguente rinascita e le fasi centrali della carriera da solista), ma lo stile eccessivamente canonico optato dal regista finisce per appiattire il suo soggetto. Ne esce così un ritratto di genio ridotto a una corretta successione insieme di fotografie, filmati d’archivio, interventi di collaboratori e familiari di indiscutibile buona fede, ma del tutto priva di mordente e originalità.

Chasing Trane non si allontana allora dal compendio biografico di media fattura sull’artista, che non aggiunge né toglie alcunché a quanto già conosciuto sia sul piano privato che su quello artistico. Eluso l’orpello della voce narrante di Denzel Washington che legge estratti di interviste e testimonianze dello stesso Coltrane – rimando più o meno velato al personaggio interpretato dall’attore in Mo’ Better Blues, dove in origine la figura del noto sassofonista era essenziale (?!) – ciò che resta del lavoro di Scheinfeld è la musica di Trane, l’unico grande patrimonio che ha lasciato all’umanità.

“Era celestiale”, le parole usate da Sorry Rollins per descrivere il collega e amico risultano emblematiche: lo stile del racconto dovrebbe essere pari all’altezza del soggetto e Trane forse resta tutt’ora difficilmente raggiungibile.

SCHEDA TECNICA
Chasing Trane: The John Coltrane Documentary (USA, 2016) – REGIA: John Scheinfeld. SCENEGGIATURA: John Scheinfeld. MONTAGGIO: Peter S. Lynch II. FOTOGRAFIA: Stan Taylor. MUSICA: John Coltrane. CAST: Denzel Washington, Sonny Rollins, Benny Golson, Kamasi Washington, Carlos Santana. GENERE: Documentario. DURATA: 99′

About Lapo Gresleri

Critico e storico cinematografico nato a Bologna nel 1985. Si laurea nel 2008 in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo con una Tesi in Caratteri del Cinema Nordamericano sul noir classico e nel 2010 consegue la Laurea Specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale con una Tesi in Cinema e Studi Culturali sull’opera di Spike Lee. Collaboratore esterno presso la Cineteca di Bologna dal 2009, è autore di saggi, articoli e recensioni a carattere cinematografico pubblicati su volumi e riviste tra cui Inchiesta, Archphoto 2.0, Cinergie, Mediacritica, Parole Rubate, Fermenti, Studi Pasoliniani, Cineforum Web, Cinefilia Ritrovata e Le Magazine Littéraire. Nel 2018 pubblica la monografia "Spike Lee. Orgoglio e pregiudizio nella società americana" (Bietti).

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it