Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Voto al film:

La musica come rinascita

Un uomo perde suo figlio in una tragica sparatoria in un campus universitario. Tutta la sua vita fatta di benessere economico e successi professionali, in quel momento si interrompe in modo irrimediabile. Lo ritroviamo anni dopo a vivere su una barca, mentre le sue giornate sono scandite solo da un lavoretto precario e dalle copiose quantità di alcol consumate per stordirsi.

La lenta discesa agli inferi di chi è incapace di vedere un senso qualsiasi nelle sue giornate, viene interrotta un giorno dalla sua ex moglie che gli riconsegna la chitarra e tutta la musica che suo figlio scriveva e cantava. Inizialmente reticente, decide di prendere in consegna quella sorta di prezioso e sconosciuto testamento artistico.

Inizia veramente qui il film, con questo percorso di rinascita di un padre e della sua riscoperta del figlio perduto e mai del tutto compreso. Una riscoperta che passa attraverso i versi delle canzoni che il ragazzo incideva nella propria stanza e che il padre ora può finalmente ascoltare, quasi iniziasse a conoscere suo figlio per la prima volta.

 Ma per trasformare quelle bellissime riflessioni in musica, in una sorta di dialogo a distanza che possa, se non colmare, almeno elaborare questo distacco col figlio scomparso, occorre cantare quelle canzoni, riportarle alla vita, farle conoscere e lasciare che altri le sentano.

Così, un locale che apre le porte a cantanti dilettanti, diventa l’occasione per proporsi in una nuova veste, cantando e condividendo con altri, quelle canzoni così private, dolorose e ingombranti. Di serata in serata, ricevendo un inaspettato apprezzamento, avrà anche l’occasione di provarsi in una ritrovata veste paterna, aiutando un giovane e bravo musicista a credere in se stesso e ad emergere come artista.

Tuttavia, mentre crediamo, al di qua dello schermo come spettatori e in larga parte anche al di là dello schermo fra i personaggi, di conoscere già tutto sulla vicenda, il passato torna a bussare nella vita del protagonista, cambiando radicalmente la prospettiva su quanto credevamo di aver capito fino a quel momento.

Presentato al Sundance Festival nel 2014 e distribuito direttamente su piattaforme on demand, il film rappresenta la prima prova registica del grande attore William H. Macy che ha lavorato a lungo sulla sceneggiatura del film, ritagliandosi per sé, anche un piccolo ruolo.

Billy Crudup presta volto (e doti canore) al protagonista della pellicola, con una intensa e assai convincente interpretazione. Per il resto il film è completato e sorretto dalle bellissime canzoni di Simon Steadman e Charlton Pettus, che riescono nel difficile compito di dare voce, senso e spessore poetico ad un dolore altrimenti indicibile.

SCHEDA TECNICA
Ti lascio la mia canzone (Rudderless, USA, 2014) – REGIA: William H. Macy. SCENEGGIATURA: Jeff Robison, Casey Twenter, William H. Macy. FOTOGRAFIA: Jérôme Alméras. MONTAGGIO: John Axelrad. MUSICHE: Simon Steadman, Charlton Pettus. CAST: Billy Crudup, Felicity Huffman, Anton Yelchin, Selena Gomez, Laurence Fishburne. GENERE: Drammatico. DURATA: 105’. Edizione italiana in DVD distribuita da Eagle Pictures dal 11 aprile 2018

About Edoardo Graziani

Classe 1980, nasce e lavora a Bologna come grafico editoriale e come fotografo. Amante del cinema da sempre, folgorato lungo la via da Antonioni e Wenders, dopo aver atteso molti anni per ragioni di lavoro, si è finalmente trovato nella condizione di poter intraprendere gli studi di cinema presso il Dams di Bologna, dove attualmente, è iscritto.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it