La recensione di Lapo Gresleri su Ascensore per il patibolo di Louis Malle

Presentiamo di seguito il pezzo pubblicato su Cinefilia Ritrovata

Voto al film:

Per un cinema modale

“Non è facile scrivere qualcosa di nuovo su un film praticamente scandagliato in ogni suo aspetto e valore come Ascensore per il patibolo, opera prima di Louis Malle, pietra miliare e spartiacque della storia del cinema che ha rivoluzionato con il suo stile e forma il modo di fare e pensare la settima arte per generazioni di registi a venire. Uno degli elementi più innovativi della pellicola che qui preme approfondire è l’uso della musica, componente essenziale del linguaggio filmico che assume, nel lavoro di Malle, una valenza assoluta, non di solo accompagnamento alle immagini, quanto di vero e proprio commento, fattore esterno e allo stesso tempo interno alla rappresentazione narrativa.

ascenseur_pour_l_chafaud_1_-700x410Composta nell’arco di una notte da Miles Davis in una sessione d’improvvisazione su immagini entrata ormai nella leggenda, la colonna sonora di Ascenseur pour l‘échafaud diventa per il noto musicista occasione di praticare quello che di lì a poco avrebbe preso il nome di “Jazz modale” dando al genere una nuova forma espressiva.

Svincolandosi dall’armonia tonale data da una precisa progressione di accordi che caratterizza la struttura musicale cosiddetta “leggera”, il jazz modale associa invece una successione di scale, ottenendo un più ampio spettro di note e di conseguenza una maggior libertà d’improvvisazione. Allontanandosi così dai ritmi fortemente cadenzati ad esempio dello Swing o del Bebop, la ricerca di Davis verte verso una maggior distensione sia sul tempo che sull’armonia, su uno stile dunque più “umorale” (Richard Williams).

Per capire come questa teoria venga trasferita sullo schermo, basta osservare alcune scene del film. Nella Fahrstuhl zum Schafott-webpasseggiata di Florence per gli Champs-Élysées, la linea ritmica di contrabbasso e batteria segue il cadenzato accendersi e spegnersi delle insegne al neon, che come pulsazioni cardiache rispecchiano la pigra andatura notturna della città, mentre la tromba accompagna i pensieri e le emozioni della donna alla disperata ricerca del suo uomo. Allo stesso modo il dialogo generazionale tra l’attempato Benker e Louis, la cui irrequietezza più che dalle battute scambiate è data dall’incalzante quanto eccitante partitura, espressione sonora dello stato d’animo dei due.

Come in Pierino e il lupo di Sergej Prokof’ev, nelle parti musicate Davis associa un diverso strumento dominante ad ognuno dei personaggi principali: la sensualità lasciva della tromba per Florance, la tensione del contrabbasso per Tavernier, l’aggressività della batteria per Louis. Ci si trova davanti dunque a una composizione non subalterna all’immagine, ma ad essa connessa, nata dalla percezione di sensazioni filtrate dalla personale sensibilità dell’autore. Una musica protagonista quanto gli interpreti, capace di cogliere e trasmettere il non detto dei ruoli in scena in una forma altra, più intensa e drammaturgica. “Senza la tromba di Miles che aveva un’atmosfera e aggiungeva una dimensione nuova alle immagini, Ascensore per il patibolo non avrebbe avuto quel successo” (Louis Malle).”

SCHEDA TECNICA
Ascensore per il patibolo (Ascenseur pour l‘échafaud, Francia, 1958) – REGIA: Louis Malle. SCENEGGIATURA: Roger Nimier, Louis Malle. FOTOGRAFIA: Henri Decaë. MONTAGGIO: Léonide Azar. MUSICA: Miles Davis. CAST: Jeanne Moreau, Maurice Ronet, Georges Poujouly, Lino Ventura. GENERE: Noir. DURATA: 88′

About Lapo Gresleri

Critico e storico cinematografico iscritto al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI). Nato a Bologna nel 1985, si laurea nel 2008 in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo con una Tesi in Caratteri del Cinema Nordamericano sul noir classico. Nel 2010 consegue la Laurea Specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale con una Tesi in Cinema e Studi Culturali sull’opera di Spike Lee. Collaboratore esterno presso la Cineteca di Bologna dal 2009, è autore di saggi, articoli e recensioni a carattere cinematografico pubblicati su volumi e riviste tra cui Inchiesta, Archphoto 2.0, Cinergie, Mediacritica, Parole Rubate, Fermenti, Studi Pasoliniani, Cineforum Web, Cinefilia Ritrovata e Le Magazine Littéraire.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it