Mr. Dynamite: The Rise of James Brown

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN

[:it]


Lapo Gresleri ci conduce alla scoperta dell’icona soul per eccellenza con il documentario di Alex Gibney Mr. Dynamite: The Rise of James Brown

In onda venerdì 2 su Rai5, ore 23.25
Voto al film:

Black soul power

Il pregio maggiore di Mr. Dynamite: The Rise of James Brown di Alex Gibney (Taxi to the Dark Side, Mea Maxima Culpa: silenzio nella casa di Dio, Finding Fela) non è tanto aver ricostruito la carriera del noto cantante nero dalla sua prima hit Please, Please, Please (1956) a Funky Drummer (1970). Piuttosto è aver inserito la parabola artistica e umana del musicista nel più ampio e complesso contesto socioculturale americano di quegli anni, mettendo in evidenza come la prima sia stata influenzata dal secondo e come questo a sua volta abbia james brown-2fatto della prima un esempio e un modello per i giovani afroamericani.

Attraverso interviste, materiale di repertorio e filmati da concerti, Gibney rende omaggio a una figura essenziale nella cultura a stelle e strisce, la cui voce è stata per molti il segno della rivoluzione cultuale in atto negli anni Sessanta. James Brown infatti è stato per la cultura giovanile nera statunitense ciò che Elvis è stato per quella bianca nello stesso periodo. Ma se il mito di The King è legato a un preciso momento della storia del Paese, che vedeva nei modi e nel piacente viso del proprio eroe l’emblema dello spirito nazionale, l’aura di Mr. Dynamite ha saputo valicare i limiti fisici e temporali, avvicinando bianchi e neri sul territorio comune della musica, divenendo in breve riferimento centrale per entrambe le parti.

Instancabile performer che ha rivoluzionato il modo stesso di stare sul palco, liberando il vocalist dalla tradizionale postura ingessata verso una più libera e travolgente corporeità che travalicasse la scena trasmettendo le proprie emozioni al pubblico, Brown è stato anche precursore e innovatore sul piano prettamente musicale. Ha saputo difatti portare nuova linfa al soul, velocizzandone il ritmo e accostandolo a sonorità jazz, gospel e james brown-3blues, creando il funky e anticipando di qualche anno il rap, facendo di sé la prima vera star nera, ruolo che ha saputo incarnare attraverso un look accattivante da dettar moda e uno stile di vita sobrio, senza eccessi e una dedizione assoluta al proprio lavoro.

In pochi anni il cantante di Barnwell diviene l’incarnazione positiva di quel Black Power che faceva tremare l’America conservatrice: magnate di un vero e proprio impero finanziario, Brown è stato l’incarnazione dell’orgoglio nero, capace di accendere folle di fan al grido “Soul Power!”, trasformando la sua musica in uno strumento politico che ancora oggi dimostra inalterata la forza del suo messaggio.

SCHEDA TECNICA
Mr. Dynamite: The Rise of James Brown (Id., USA, 2014) – REGIA: Alex Gibney. SCENEGGIATURA: Alex Ginbey. FOTOGRAFIA: Maryse Alberti, Antonio Rossi. MONTAGGIO: Geeta Gandbhir, Maya Mumma. MUSICHE: James Brown. CAST: James Brown, Mick Jagger, Chuck D., Christian McBride . GENERE: Documentario. DURATA: 120’. DVD distribuito da Universal dal 13 novembre 2015.

 

[/column][:]

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Leave a Replay