[:it]Rotte indipendenti[:]

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN

[:it]


 

Rotte indipendenti, l’interessante progetto di Giangiacomo De Stefano e Lara Rongoni è stato presentato al Biografilm 2016. Lo ha visto per noi Carlotta Acerbi

 

 

Presentiamo la recensione apparsa su Cinefilia Ritrovata

 

Take a Walk on the Independent Side

 

Al Biografilm 2016 la musica underground italiana emerge dai sotterranei per guadagnarsi il palco e arrivare finalmente al grande pubblico attraverso lo schermo. A renderlo possibile è il progetto Rotte Indipendenti, realizzato in occasione del ventennale del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti, una MEI rotte indipendentimini serie che racconta in quattro episodi il fervente panorama musicale di altrettante città italiane: Bologna, Milano, Roma e Torino, i nodi principali della scena alternativa dagli anni ’70 ad oggi.

 

Le quattro città sono le tappe fondamentali di un itinerario ben tracciato dai registi Giangiacomo De Stefano e Lara Rongoni, in cui si nascondono sottopelle scene musicali molto diverse. Dal Metal al Reggae, all’Alternative Rock, dal Punk all’Hard Rock, al cantautorato si incontrano nomi più e meno noti: Manuel Agnelli degli Afterhours, Max Casacci dei Subsonica, Madaski degli Africa Unite, Dandy Bestia degli Skiantos, tanto per farsi un’idea.

 

Il materiale d’archivio, spesso fornito dagli stessi artisti e fan, entra nella struttura narrativa e si alterna alle interviste arricchendo il racconto con video, riprese di concerti, diapositive animate e fotografie integrate in maniera accattivante nel montaggio con la motion graphic. La serie è un format pensato per la televisione, della quale rispetta in effetti tempi e modelli: i documentari, della durata di 54’ minuti ciascuno, scorrono tutti d’un fiato tra assaggi di cultura giovanile, sale prove che diventano centri di aggregazione dove “fare rete prima del web”, patti sottoscritti con una stretta di mano e in alcuni casi, grandi palchi e contratti con le majors.

 

Ogni episodio, come traccia di un concept album, è un racconto rotte indipendenticoncluso che, però, funziona di più se in relazione con gli altri. A fare da filo conduttore sono casse e juke box, oggetti attraverso i quali il suono si propaga riuscendo a incuriosire anche lo spettatore poco abituato ad esplorare territori musicali non mainstream. Il messaggio sotteso è profondo, seppure raccontato con un linguaggio fruibile anche ai  non addetti ai lavori: in un’industria musicale che da anni ha inglobato correnti fuori rotta, che cosa vuol dire essere e rimanere indipendenti? I documentari non danno la risposta, unica e definitiva, ma invitano a porsi la domanda e trovare la propria interpretazione.

 

SCHEDA TECNICA
Rotte indipendenti (Id., Italia, 2016) – REGIA: Giangiacomo De Stefano, Lara Rongoni. MUSICHE: Afterhours, Subsonica, Africa Unite, Skiantos. CAST: Manuel Agnelli, Max Casacci, Madaski, Dandy Bestia. GENERE: Documentario. DURATA: 52’+52’+52’+52′

 

 

[:]

 

[/column][:]

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Leave a Replay