Voto al film:

Alla ricerca delle radici perdute

Figura centrale del cinema nigeriano, Ola Balogun – raffinato esponente della cultura africana contemporanea, membro di quell’élite intellettuale formatasi in Europa e tornata poi ad accompagnare il passaggio alla modernità post-coloniale del Paese originario – con Black Goddess firma una delle sue opere più colte e radicate nella coscienza comunitaria della sua generazione.

Il viaggio del giovane Babatunde dall’Africa al Brasile in cerca del ramo parentale perduto, discendente dal nobile Principe Oluyole catturato e ridotto in schiavitù nel XVIII secolo, si fa espressione della riscoperta delle origini rimosse alla base del movimento panafricano che, dagli ultimi decenni dell’Ottocento fino agli Settanta del secolo successivo, costituì il primo passo verso una nuova concezione della condizione nera a livello internazionale. La consapevolezza di un passato comune si fa così punto di partenza per l’affermazione di un’identità come popolo e non più come singolo, uno spirito aggregante in soluzione all’attuale condizione condivisa di segregazione fisica e culturale.

Nella medesima direzione va anche il commento musicale di Remi Kabaka, batterista connazionale di Balogun, tra i maggiori rappresentanti di quella commistione tra sonorità africane e rock che caratterizzava la musica occidentale bianca di quegli anni. Collaboratore degli Stones, Paul McCartney, Steve Winwood, John Martynn e Paul Simon, Kabaka realizza per il film una colonna sonora che unisce funky e jazz, sintetizzatori e distorsori ai cadenzati moduli ritmici della musica nera tradizionale, in una soluzione sperimentale tra il free di Ornette Coleman e le tendenze più afro dell’ultimo Gillespie.

Si rafforza allora ulteriormente quell’indissolubile coesistenza di arcaico e odierno che è il fondamento della cultura africana moderna, così lucidamente sintetizzata da Pasolini in Appunti per un’Orestiade africana e Il padre selvaggio. Passato-presente, tradizione-contemporaneità diventa così il binomio caratterizzante del film che tra realtà, onirismo e spiritualismo, incarna lo spirito contraddittorio ma fortemente salvifico del continente e della sua gente: “Il futuro [di un popolo] è nella sua ansia di futuro e la sua ansia è una grande pazienza” (Pier Paolo Pasolini).

L’articolo è apparso anche su Cinefilia Ritrovata
SCHEDA TECNICA
Black Goddess (A Deura Negra, Nigeria/Brasile, 1978) – REGIA: Ola Balogun. SCENEGGIATURA: Ola Balogun. FOTOGRAFIA: Edison Batista. MONTAGGIO: Phillippe Gosselet. MUSICA: Remi Kabaka. CAST: Sonya Santos, Zózimo Bulbul, Léa Garcia, Jorge Coutinho. GENERE: Avventura. DURATA: 95’

About Lapo Gresleri

Critico e storico cinematografico nato a Bologna nel 1985. Si laurea nel 2008 in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo con una Tesi in Caratteri del Cinema Nordamericano sul noir classico e nel 2010 consegue la Laurea Specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale con una Tesi in Cinema e Studi Culturali sull’opera di Spike Lee. Collaboratore esterno presso la Cineteca di Bologna dal 2009, è autore di saggi, articoli e recensioni a carattere cinematografico pubblicati su volumi e riviste tra cui Inchiesta, Archphoto 2.0, Cinergie, Mediacritica, Parole Rubate, Fermenti, Studi Pasoliniani, Cineforum Web, Cinefilia Ritrovata e Le Magazine Littéraire. Nel 2018 pubblica la monografia "Spike Lee. Orgoglio e pregiudizio nella società americana" (Bietti).

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it