Quarto ed ultimo appuntamento con lo speciale dedicato a Bob Dylan. Qui l’articolo di Marcello Polizzi sull’incontro “Never Ending Show: ascolti e visioni di Dylan” tenutosi alla Cineteca di Bologna.

Presentiamo di seguito l’articolo pubblicato su Cinefilia Ritrovata

Suggestioni dylaniane

“Bob Dylan è uno scrigno”. Tra le tante definizioni proposte durante l’incontro “Never Ending Show: ascolti e visioni di Dylan” organizzato il 17 novembre in Biblioteca Renzo Renzi, questa affibbiata al cantautore di Duluth da Alberto Ronchi, sembra essere la più precisa e suggestiva, capace di sottolineare quel fil rouge che ha legato i diversi interventi, ovvero la natura complessa, mutevole ed eclettica di Bob Dylan.  bob-dylan-3 Organizzato in occasione delle due date bolognesi del tour all’Auditorium Manzoni e proposto come anticipazione alla proiezione di Pat Garret & Billy the Kid tenutasi nelle sale della Cineteca, l’incontro è stato un momento per riflettere sull’importanza e l’influenza che questo artista polimorfo ha avuto su tutta la storia del Rock. Attraverso gli interventi di Franco Minganti, Roberto Agostini, Luca Marconi ed il già citato Ronchi, la figura di Dylan è stata scomposta e vista da differenti angolazioni, cercando di cogliere l’importanza delle influenze musicali e culturali, così come le mode, che lo hanno segnato e di conseguenza hanno costituito i momenti cruciali e decisivi della sua carriera. Supportate da materiali audiovisivi e dall’ascolto guidato di alcuni brani, ma anche da aneddoti, racconti e riletture, queste storie dylaniane hanno proposto suggestioni e suggerimenti guida con cui avvicinarsi a questo magma sonoro e visivo, che è l’arte di Dylan. Un personaggio che, come ha sostenuto Minganti nel suo intervento d’apertura, è divenuto vero e proprio oggetto di studio e di ricerca, con il risultato di una quantità sterminata di materiale prodotto. Dai numerosissimi libri e studi realizzati – su tutti la ricca documentazione di Greil Marcus – fino alla riproposizione di materiale inedito e di registrazioni live storiche e nascoste, portate alla luce grazie alla preziosa serie di Bootlegs ufficiali messi in commercio. Una produzione enorme che incornicia una carriera di oltre cinquant’anni, caratterizzata da sempre continui e spiazzanti cambiamenti e mutazioni di suono e d’immagine. Bob-Dylan01Tali cambiamenti ha voluto approfondire Agostini, per cogliere i momenti chiave che hanno consacrato Dylan come mito, come il biennio ’63/’65 in cui avvenne il passaggio dal folk alla svolta elettrica con il famoso concerto di Newport, per arrivare alle influenze culturali della beat generation, all’arricchimento lirico dei testi e allo sfruttamento del mezzo cinematografico. E l’esplorazione del mondo di Dylan si spinge sino alle analisi più curiose e agli accostamenti apparentemente più lontani, come quelli proposti da Marconi che, sfruttando la tesi di partenza dello studio di Gianfranco Salvatore “Radici Rinascimentali del Pop Come Cultura Popolare Urbana. L’esperienza Italiana”, ha individuato le correlazioni tra melodie di Monteverdi, Purcell e Pachelbel e alcuni brani come One More Cup of Coffee, All Along the Watchtower o I Want You sulla base del riutilizzo in chiave moderna della forma musicale del passacaglio. Un artista che dunque, come ha concluso Ronchi, ha raccolto un’intera tradizione, ha fatto suo tutto il songbook americano, rivoluzionando la canzone d’amore, trasformando la canzone di protesta in canzone universale e, portavoce di nuovi generi musicali e culturali, ha decisivamente segnato il cambiamento dei tempi.

About Marcello Polizzi

Nato a Napoli nel 1984, si laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali presso l’Università Federico II di Napoli, con una tesi in Storia della Musica e Musicologia dedicata a Gatto nero, gatto bianco e all’aspetto musicale nell’opera di Emir Kusturica. A Napoli collabora a diverse edizioni del Napoli Film Festival e dal 2012 collabora prima con il Centro Cinema San Biagio e la Societas Raffaello Sanzio di Cesena, e in seguito con il Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini della Cineteca di Bologna e il festival Il Cinema Ritrovato. Ha curato inoltre la programmazione film del festival Human Rights Nights per le edizioni 2014 e 2015. Si avvicina poi alla critica cinematografica e comincia a scrivere per “Mediacritica” e “Cineforum Web”. Ha contribuito alla realizzazione del catalogo del 33° Premio Sergio Amidei e ha collaborato con “Studi Pasoliniani” e al numero monografico dedicato a Pier Paolo Pasolini della rivista francese “Le Magazine Littéraire”.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it