Voto al film:

Requiem for a dead town

Le memorie dal sottosuolo d’America di Dawson City – Il tempo tra i ghiacci vivono soprattutto grazie al commento sonoro di Alex Somers, che va oltre il canonico accompagnamento, dando al montato un significato aggiunto non indifferente.
Le melodie post-rock del leader dei Sigur Rós compongono un Requiem lisergico e sulfureo che diviene un tutt’uno con i film riemersi dalle fondamenta della cittadina canadese celebrata da Bill Morrison, centro della corsa all’oro d’inizio secolo, abbandonata qualche anno più tardi, una volta esauriti i filoni minerari.

Con lontani rimandi alle partiture lynchiane di Angelo Badalamenti, le distorsioni e gli altri effetti applicati da Somers ad archi ed organo su un tappeto di sintetizzatori spazializzano le immagini conferendo loro spessore. Le fotografie e il girato selezionato dal regista si aprono così a una dimensione altra, non solo quella tradizionalmente bidimensionale del fotogramma, né a quella in profondità del 3D. Si parla qui invece di un valore prettamente emotivo, suggestivo, come se quel “tempo ghiacciato” del sottotitolo originale avesse realmente salvaguardato la realtà impressa sulle pellicole. Come un carillon, il senso sommesso e letargico ricercato dal compositore dà così al pubblico la percezione di contemplare qualcosa di dormiente ma vivo oltre lo schermo, una sensazione di nostalgica malinconia che riaffiora dalle pieghe più oscure degli Stati Uniti.

Similmente le sonorizzazioni di filmati naturali e industriali conferiscono alle scene un tocco onirico e sinistro, quasi ci si trovasse davvero in una città fantasma di cui restano solo sparute tracce evocate dal mezzo filmico. “Quando l’elemento organico, fisico della celluloide (…) si insinua tra i sogni, ovvero le immagini impressionate sull’emulsione, ecco, è lì che si rivela il punto di passaggio, il cross-over tra il sogno e la realtà, tra la materia e lo spirito” (Bill Morrison).

Come già accaduto in passato con Michael Gordon (Decasia, 2002), Jóhann Jóhannsson (The Miners’ Hymns, 2011) o Bill Frisell (The Great Flood, 2013), il ruolo canonico di collante narrativo affidato dai documentaristi alla voice over, Morrison lo assegna alla musica, facendo così del found footage un vero e proprio moderno ready made cinematografico. Una rielaborazione del significante originale, attraverso cui dare “una visione olistica e affascinante della storia nordamericana” (Sophie Mayer).

L’articolo è apparso anche su Cinefilia Ritrovata
SCHEDA TECNICA
Dawson City – Il tempo tra i ghiacci (Dawson City: Frozen Time, USA, 2016) – REGIA: Bill Morrison. SCENEGGIATURA: Bill Morrison. FOTOGRAFIA: Bill Morrison. MONTAGGIO: Bill Morrison. MUSICHE: Alex Somers. GENERE: Documentario. DURATA: 120’

About Lapo Gresleri

Critico e storico cinematografico iscritto al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI). Nato a Bologna nel 1985, si laurea nel 2008 in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo con una Tesi in Caratteri del Cinema Nordamericano sul noir classico. Nel 2010 consegue la Laurea Specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale con una Tesi in Cinema e Studi Culturali sull’opera di Spike Lee. Collaboratore esterno presso la Cineteca di Bologna dal 2009, è autore di saggi, articoli e recensioni a carattere cinematografico pubblicati su volumi e riviste tra cui Inchiesta, Archphoto 2.0, Cinergie, Mediacritica, Parole Rubate, Fermenti, Studi Pasoliniani, Cineforum Web, Cinefilia Ritrovata e Le Magazine Littéraire.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it