La colonna sonora nel debutto alla regia di Dennis Hopper Easy Rider, analizzato da Lapo Gresleri

In onda sabato 26 su Paramount Channel, ore 21.10

Qui l’articolo apparso anche su Cinefilia Ritrovata

Voto al film:

Road Music

Senza soffermarsi sul ruolo di Easy Rider quale “film-manifesto” di un movimento culturale, né sulle qualità tecniche che hanno reso l’esordio alla regia di Dennis Hopper una delle opere più significative e influenti del cinema americano contemporaneo, si vuole qui porre l’accento sulla colonna sonora e la funzione che essa assume in rapporto alle immagini.

Pur se leggenda vuole che Hopper non avesse pianificato un vero commento musicale, ma L'ospite inatteso, Jack Nicholson si aggiunge al duo di centaurisi fosse limitato a raccogliere alcuni dei suoi pezzi preferiti in quel periodo, è difficile credere che la scelta di un così accurato accompagnamento sia spontanea, guidata solo dall’istinto e dal gusto dell’autore. Pare invece piuttosto frutto di un più preciso processo di ricerca che tiene conto di diversi fattori in causa. Innanzitutto la necessità di trovare una colonna sonora ideale per la storia raccontata, una musica che fosse specchio della generazione hippy, dei suoi ideali e princìpi: Steppenwolf, Smith, The Byrds, Jimi Hendrix o Roger McGuinn sono catalizzatori dei gusti di quel pubblico. Rock psichedelico, Folk Revival e Rock Blues sono i generi di riferimento dell’America contestataria degli ultimi anni Sessanta e la Produzione non ha certo sottovalutato la questione: la volontà di mantenere la scaletta originale è senza dubbio sentore di un interesse anche economico, mirante a creare un prodotto il più proficuo possibile.

Ma la colonna sonora assume qui ancora un’altra funzione. In tutta la pellicola non c’è brano che abbia un ruolo puramente enfatico-emozionale; i pezzi cioè non sono scelti solo a sottofondo delle scene, ma ne diventano vero e proprio commento. Sono le parole, i testi, a dare una valore aggiunto alle azioni o a evidenziare il carattere dei personaggi. Così, se i due protagonisti, incassato il denaro di una grossa Sogni ad occhi aperti, il mito americano si sfalda nell'effetto degli acidivendita di droga, partono per spenderlo in donne e alcool dall’altra parte del Paese sulle note di The Pusher e Born to Be Wild – espressioni di una libertà totale in rottura con gli schemi precostituiti – Ballad of Easy Rider sancisce il fallimento del sogno americano, le aspettative tradite dei due ragazzi e l’amara conclusione del loro viaggio.

La musica diventa allora un nuovo substrato significante cinematografico. Autonoma, ma al contempo connessa alla diegesi, si fa veicolo ulteriore di informazioni altrimenti inespresse, da cogliere e analizzare per comprendere a pieno il testo-film. Un’immagine sonora ora finalmente completa.

SCHEDA TECNICA
Easy Rider (Id., USA, 1969) – REGIA: Dennis Hopper. SCENEGGIATURA: Peter Fonda, Dennis Hopper, Terry Southern. FOTOGRAFIA: László Kovács. MONTAGGIO: Donn Cambern. MUSICHE: Steppenwolf, Smith, The Byrd, Holy Modal Rounders, Fraternity of Man, The Jimi Hendrix Experience, The Electric Prunes, Roger McGuinn. CAST: Peter Fonda, Dennis Hopper, Jack Nicholson. GENERE: Drammatico. DURATA: 95′

About Lapo Gresleri

Critico e storico cinematografico iscritto al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI). Nato a Bologna nel 1985, si laurea nel 2008 in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo con una Tesi in Caratteri del Cinema Nordamericano sul noir classico. Nel 2010 consegue la Laurea Specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale con una Tesi in Cinema e Studi Culturali sull’opera di Spike Lee. Collaboratore esterno presso la Cineteca di Bologna dal 2009, è autore di saggi, articoli e recensioni a carattere cinematografico pubblicati su volumi e riviste tra cui Inchiesta, Archphoto 2.0, Cinergie, Mediacritica, Parole Rubate, Fermenti, Studi Pasoliniani, Cineforum Web, Cinefilia Ritrovata e Le Magazine Littéraire.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it