Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Voto al film:

Belfast Calling

“Nessuno si è mai divertito ed esaltato tanto come quando il punk rock dominava sull’Irlanda del Nord. Tra bombe, sparatorie, odio religioso e regolamenti di conti, il punk ha dato a tutti la possibilità di vivere per un ardente e glorioso momento”.

Così Joe Strummer, fondatore dei Clash e grandissimo fan del punk nordirlandese, scrisse in un articolo. Ed alla nascita della scena punk nella Belfast negli anni settanta è dedicato il film Good Vibrations, che racconta come, aprendo un negozio di dischi e poi un’etichetta discografica, Terri Hooley riuscì, attraverso la diffusione e l’affermazione del punk, a rivitalizzare una comunità dilaniata dalla guerra civile, offrendo una valvola di sfogo ad una gioventù compressa da violenza e disoccupazione. E non c’era musica migliore del punk per scaricare la rabbia, e non c’era un luogo più adatto della Belfast degli anni settanta per urlare a squarciagola “no future”.

Musica e guerra nelle strade si incrociano lungo tutto il film, sin dall’inizio in cui I Saw the Light di Hank Williams sfuma fino a diventare una eco sempre più lontana e ovattata mentre scorrono le immagini velocizzate della spirale di violenza che ha portato alla guerra tra cattolici e protestanti, creando una netta antinomia tra le note rassicuranti del cantautore folk statunitense ed i filmati di palazzi sventrati dalle bombe, marce di protesta e carri armati. E poi vinili e rapimenti, concerti e bombe, tour e posti di blocco, contratti discografici e pestaggi (incisivo, sempre nel solco del contrasto immagini-musica, il coro di bambini che cantano To Know Him Is To Love Him di Phil Spector mentre Terri viene picchiato a sangue).

I registi Lisa Barros D’Sa e Glenn Leyburn scelgono di privilegiare la leggerezza sul dramma guardando a film come The Commitments (stesso concetto della musica come riscatto di un sottoproletariato senza speranze, ambientazione simile, oltre alla similitudine tra Irlanda del nord e Giamaica che ricorda quella tra gli abitanti della periferia di Dublino e gli afroamericani del film di Alan Parker), ma cadono nella trappola della retorica, raffigurando il protagonista in maniera un po’ troppo semplicistica e finendo per farne quasi un’agiografia.

Impeccabile nel comporre il ritratto di una stagione musicale è sicuramente la colonna sonora, nella quale trovano spazio il reggae dei Niney The Observer (Blood and Fire) e di Hopeton Lewis (Sounds and Pressure), il rhythm and blues degli Animals (Outcast), il pop melodico di The Shangri-Las (Past, Present and Future e I Can Never Go Home Again), il blues di Johnny ‘Guitar’ Watson (Gangster of Love) ed il glam rock di David Bowie/Ziggy Stardust (Star). Ma soprattutto il punk, con in primo piano i gruppi prodotti da Terri Hooley, ovvero Rudi (Big Time, I Spy, Pressure’s On), The Undertones (Smarter Than You) e The Outcasts (Just Another Teenage Rebel, Self Conscious Over You), ma anche The Saints e Stiff Little Fingers.

Quel glorioso momento di cui ha parlato Joe Strummer non durerà molto, l’ondata del punk si esaurirà in pochi anni ed i gruppi di Terri Hooley, con la parziale eccezione di The Undertones, non riusciranno mai a sfondare, ma la casa discografica ed il negozio di dischi, passando per diversi fallimenti e chiusure, riusciranno a sopravvivere fino al 2015. La guerra civile in Irlanda del Nord finirà, almeno formalmente, nel 2005 con l’annuncio dell’IRA della fine della lotta armata.

SCHEDA TECNICA
Good Vibrations (Gran Bretagna-Irlanda, 2012) – REGIA: Lisa Barros D’Sa, Glenn Leyburn. SCENEGGIATURA: Colin Carberry, Glenn Patterson. FOTOGRAFIA: Ivan McCullough. MONTAGGIO: Nick Emerson. MUSICA: David Holmes. CAST: Richard Dormer, Jodie Whittaker, Michael Colgan, Adrian Dunbar. GENERE: Drammatico. DURATA: 103′

About Andrea Zacchi

Nato a Bologna nel 1971, si laurea in Scienze Politiche indirizzo internazionale presso l'Università di Bologna. E' un grande appassionato di cinema e di musica rock. Ha suonato per diversi anni il basso e la chitarra in un gruppo ed ha frequentato diversi corsi di cinema e di critica cinematografica. Ha un blog di recensioni di film e serie tv.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it