Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Voto al film:

Who’s the Man behind the Mirror?

“Life ain’t so bad at all, if you live it off the wall”

La figura di Michael Jackson è universalmente conosciuta come emblema della musica pop. La sua musica va ben oltre il semplice crossover di generi: ne racchiude in sé le caratteristiche più forti e a volte contrastanti unendole fra loro con il fil rouge del suo timbro vocale, quale erede della tradizione soul di Stevie Wonder. Ma Jackson è anche molto di più. Se risulta facile parlare dell’artista di Thriller e di Bad e dell’indelebile segno da lui lasciato nell’industria musicale e più in generale nella cultura pop, diventandone una delle figure chiave, ben più complicato e complesso pare ripercorrerne la strada che l’ha portato a diventare il mito senza tempo che è.

Nel suo documentario Michael Jackson: viaggio dalla Motown a ‘Off the Wall’ – presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival nel febbraio 2016 – Spike Lee celebra l’amico descrivendone l’indole e la creatività, ripercorrendo il suo cammino da bambino prodigio nei Jackson 5 fino a Off the Wall (1979), il suo primo album solista nel quale l’artista definisce ed emerge il suo inimitabile stile musicale. È infatti Off the Wall il primo lavoro nel quale emerge il talento di Michael e la sua visione del pop. Da un punto di vista musicale, l’opera di Jackson è un allegro e impetuoso trascolorare delle sonorità soul della Motown in qualcosa di diverso, di nuovo, difficilmente ascrivibile ad un genere specifico; e Spike Lee è attento a metterne in risalto ogni sfumatura, ogni riflesso, così come la particolare e fragile anima umana sempre un po’ Bad, un po’ controcorrente.

Il regista statunitense organizza un viaggio che racconta la crescita di Michael come artista e come uomo, tratteggiandone luci e ombre, genio e contraddizione. Ne emerge il ritratto a tutto tondo di un mito letteralmente umano, vicino a tutti perché parte della stessa cultura, dello stesso essere; un ritratto piacevolmente arricchito da frammenti di interviste nelle quali è lo stesso Michael a raccontarsi, esprimendo i propri sogni e insicurezze. Spike Lee non presenta semplicemente una selezione di materiale di archivio, ma suscita riflessioni sulla musica di Jacko e sulla sua figura, incentrando il film proprio sulla musica, di cui è sottolineata la capacità di costituire un valore costante nel tempo: è elettricità pura, un’energia sinonimo di libertà di essere e di esprimersi.

Tutto questo è raccontato da chi ha condiviso con lui questo cammino: qualche esempio? È notevole l’affetto con il quale è ricordato dai suoi fratelli Marlon e Jackie, e l’ammirazione di Benny Gordy – fondatore della Motown – ma anche Cohen e Quincy Jones, che in seguito al musical The Wiz fu talmente affascinato dal suo talento nel canto e nel ballo da voler produrre il disco in oggetto. Sono inoltre presenti numerose testimonianze di chi è stato in qualche modo toccato e condizionato dalla musica di Michael: molti hanno trovato in lui una fonte d’ispirazione e motivazione per intraprendere la carriera nell’industria musicale, come Marc Ronson, The Weekend, John Legend e Pharrell Williams.

Sono proprio queste le testimonianze più utili a rendere il contributo di Michael al rinnovamento dell’industria musicale, finalmente libera da quei condizionamenti di razza che ancora marcavano i confini tra un genere e l’altro e che rendono Michael Jackson: viaggio dalla Motown a ‘Off the Wall’ un autentico atto di riconoscenza e rispetto verso una figura centrale nella cultura del Novecento, che ha lasciato un segno indelebile nella popular music (e non solo): un artista così grande da entrare di diritto nell’immaginario collettivo.

SCHEDA TECNICAMichael Jackson: viaggio dalla Motown a ‘Off the Wall’ (Michael Jackson’s Journey From Motown to Off the Wall, USA, 2016) – REGIA: Spike Lee. FOTOGRAFIA: Kerwin DeVonish. MONTAGGIO: Ryan Denmark. MUSICHE: Michael Jackson. CAST: Michael Jackson, Spike Lee, Pharrell Williams, Quincy Jones. GENERE: Documentario. DURATA: 93’

About Lucia Bianco

Nata a Torino nel 1987, si laurea nel marzo 2018 presso il Conservatorio di Cuneo in Pianoforte Jazz, con una tesi incentrata sul rapporto tra musica e immagini che analizza in modo particolare il ruolo della musica Jazz nei film Noir del periodo del cinema classico. Interessata all'analisi della funzione della musica nei Nuovi Media e all'Antropologia della Musica – ambiti di studio che approfondirà nella Laurea Magistrale - è insegnante di Pianoforte Moderno e Propedeutico presso l'associazione “Sportkids-Musicland” di Ciriè.

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it