About Martina Biscarini

Martina Biscarini è traduttrice, saggista e videomaker. Nata a Empoli nel 1985, si laurea nel 2009 in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo con una tesi sull'autobiografia di Harpo Marx che in seguito verrà ampliata e tradotta integralmente. Tutto ciò confluirà nel volume, edito nel 2017 da Erga editore (Genova) "Harpo Speaks". Nel 2012 consegue il Master Degree in videomaking all'università di Kingston-upon-Thames (Surrey) specializzandosi in sceneggiatura. Nel 2016 consegue la Laurea in Lingue e Letterature Moderne e Classiche con una tesi sui temi dell'utopia e della distopia rapportati al videogioco. Collabora con la rivista "Tysm" ed è autrice del libro "Mannarino, Cercare i colori" (Arcana Editore) che uscirà nel marzo 2018.

Siete ancora in tempo per vedere in sala Rocketman di Dexter Fletcher e per leggere la recensione della nostra Martina Biscarini

Martina Biscarini su Dumbo, ultima fatica di Tim Burton

Perché “Jules et Jim” è un capolavoro Spesso si danno molte cose per scontate, si affibbiano epiteti senza valutare il peso delle parole. “Capolavoro” è una parola che va guadagnata e Jules et Jim, un film da godere sul grande schermo sul quale è ritornato dopo il restauro, se la merita tutta.

Martina Biscarini su Mia Martini – Io sono Mia, ritratto melodrammatico della grande cantante italiana firmato da Riccardo Donna

Martina Biscarini su La favorita, discusso film di Yorgos Lanthimos che mischia sapientemente musica classica e Elton John

Glorifichiamo la Regina Peter Morgan è uno degli sceneggiatori a mio parere più dotati che esistano nel mondo anglosassone al momento. Probabilmente è stato scelto per il soggetto di questo film giacché principalmente famoso per The Queen, la storia della copertura mediatica della morte di Lady Diana. Forse valeva la pena farlo lavorare anche alla…

Storia di un’amicizia, storia di un punto di svolta Quello di Fantastichini è un ricordo funebre che non avrei voluto scrivere così presto. Sarà che lui stesso dichiarava di tener sempre molto vivo dentro se il proprio fanciullo interiore e di rimanere male quando, nella vita di tutti i giorni, la gente lo trattava da…

La musica della nevrosi Il capolavoro si manifesta quando, in un film, ogni cosa è curata con maestria invidiabile e l’apporto performativo sopra la media – di tutti – concorre al prodotto finale. Petri, Pirro e Volonté litigavano talmente tanto che il regista, per il terzo anello della trilogia della nevrosi (il secondo è La…

Rockmantici Figlia di due filosofi, la proto-femminista Mary Wollstonecraft (morta per conseguenze del parto) e l’illuminista William Godwin, Mary cresce colta e sicura di sé: ha sedici anni, vuole bene alla sorellastra Claire Clairmont ma detesta la matrigna. L’incontro con il poeta Percy Bysshe Shelley le sarà fatale: l’ammirazione per la libertà morale della madre…

Circe, più che Penelope Molly Bloom è la sorella maggiore dello sciatore Jeremy Bloom: proviene da una famiglia dove tutti, ma in particolar modo lei, sono educati a eccellere. Scia a livello agonistico come il fratello. Dopo un brutto incidente che la porta a ritirarsi, per tutta una serie di circostanze si ritrova a gestire…

© 2016 Leitmovie - Associazione culturale | CF:91379950370 | info@leitmovie.it | Cookie Policy
Top

Web design a cura di Beltenis.it